Wondernonna: succede a luglio

Leggevo ora il “Mamma Piky non solo mamma, succede a luglio” e mi rendo conto che sono stata fortunata. Dopo un inverno stressante, una primavera di recupero lento e di fisioterapia intensa, sono arrivata a luglio “cotta”. Stanca, stressata, pallida, fuori forma. E ci si è aggiunto il caldo davvero eccessivo, che io non sopporto, mi fa star male. E così, anche su suggerimento del medico, siamo partiti per le vacanze, tre intere settimane di camminate sull’acqua, abbuffate (sì, pure quelle!) partite a carte, brevi passeggiate, chiacchiere e nuovi amici.

I nipoti erano pure loro lì, a Cesenatico, con la mamma, perché quest’anno hanno preso in affitto una casetta. All’inizio erano in una spiaggia vicina, poi, e vi racconto anche perché, hanno traslocato nel nostro “bagno”.

Allora, nella spiaggia in cui erano c’è stato una sorta di diverbio. Non voglio difendere nessuno, non ero presente, ma mi fido di quel che dice mia figlia. Da un diverbio tra bimbi è nato una sorta di clan “attenti-al-bambino-con-gli-occhiali” formato da mamme coalizzate. Si sa che in spiaggia quasi non ci si conosce nemmeno ma basta una voce ed è voce di popolo. Leonardo, che – questo posso dirlo – di carattere è mite e tranquillo ma sempre un bambino di sei anni è, si è ritrovato solo, cacciato dai giochi di altri bimbi, additato. E allora mia figlia, che piuttosto di litigare preferisce chiarire, sentendo il figlio additato dagli adulti è intervenuta con pazienza e buonsenso (sì, lei ne ha, io avrei fatto fuoco e fiamme) ma non ne ha trovato negli altri quindi… ha fatto armi e bagagli e ha cambiato spiaggia, venendo nella nostra.

I bimbi sono bimbi, giocano, litigano e la maggior parte delle volte sanno risolvere da soli le loro questioni. Se non arrivano a mettersi le mani addosso la cosa migliore è lasciarli fare. L’intervento degli adulti, per una manciata di sabbia, è inutile. Ma arriva ad essere dannoso quando non solo si prende posizione, ma si arriva a coalizzarsi contro… un bambino.

E a proposito di liti, ho assistito a un diverbio che rischiava di diventare una rissa, proprio a causa di bambini che giocavano in riva al mare e che infastidivano due bagnanti. Si è arrivati agli insulti, alla minaccia di querela e poco c’è mancato che arrivassero i carabinieri. Tutto perché due bimbi stavano costruendo un castello di sabbia, a distanza di sicurezza dagli altri ombrelloni, ma evidentemente schiamazzando e sollevando sabbia a distanza. Mah.

Per il resto è stata una bella vacanza, anche se interrotta da un evento tristissimo: abbiamo perso una cara zia, inferma da molti anni. Un bacio, zia Cecchina.

Ad ogni modo, sono tornata dalle vacanze rigenerata, tutti mi han detto “hai cambiato faccia” e non è solo per quella poca abbronzatura che mi son guadagnata e per i capelli cortissimi. D’altra parte, pelle chiara e protezione 50 non aiutano, ma pazienza. Le vacanze fanno davvero bene, e mi sento fortunata: non tutti, di questi tempi, se lo possono permettere.

Questa voce è stata pubblicata in Leonardo e Isabel: un grande amore e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Wondernonna: succede a luglio

  1. Silvia Fanio scrive:

    Come sempre ribadisco il fatto che i genitori dovrebbero lasciare che i bambini risolvano le liti da soli, li rende autonomi, in grado di gestire i conflitti anche da adulti e si fanno meno danni!

    • WonderNonna scrive:

      Appunto, Silvia. Ma mentre i bambini capiscono e se la sbrigano da soli, quando ci mettono lo zampino i grandi… Ah, che pazienza ci vuole!

  2. Mammapiky scrive:

    Mammina che brutta storia, ribadisco che il male del mondo ce lo facciamo da soli, con storie, liti e rabbia che ci rende sempre più nemici e sempre meno tolleranti se poi ci son di mezzo bambini, è vergognoso. Brava tua figlia, signori si nasce e l’ha detto pure Totò mica uno qualunque. Per il resto sono contenta della tua ripresa e lascia perdere il colore, come Son messa con l’abbronzatura l’ho già detto ma ce ne faremo una ragione. Un abbraccio Anna a te e ai tuoi meravigliosi nipoti!

    • Mammapiky scrive:

      Ah comunque mi è capitato pure di sentire persone sul bagnasciuga lamentarsi perché gli arrivavano schizzi d’acqua…no vedi te se è normale!!!

      • WonderNonna scrive:

        Bisognerebbe rispondere una cosa tipo “Ma andare in montagna pare brutto?” ahahah

    • WonderNonna scrive:

      Grazie Maria Elena… a volte penso di aver messo al mondo una figlia mooolto più saggia di me, che di natura sono litigiosa e poco disposta alle vie di mezzo. In ogni caso avventura dimenticata!
      Che dici, un giorno inventeranno un superabbronzante protezione 50, riservato a chi ha la pelle chiara, che fa diventare neri in 3 giorni? 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *