Visitare un blog

Leggo molto gli altri blog, perché mi pare giusto capire che cos’hanno gli altri da dire. Non leggo i blog politici, né d’opinione. Non perché non mi interessino le opinioni altrui, tutt’altro. Solo che non sono una fan della politica, mi basta seguire le notizie e su quelle trarre le mie conclusioni.

Rimangono “tutti gli altri”. E devo dire che di blog interessanti ce ne sono molti: quelli da cui si può imparare, per intenderci (sono quelli che catturano la mia attenzione). C’è chi ha le cosiddette “mani d’oro”: chi sa costruire con poche cose (magari anche riciclate) dei piccoli capolavori, come la mia amica Serena Marini ( http://www.ideamamma.it/) o chi è “creativo” come Silvia Rachele Fallica, che realizza bellissimi gioielli (http://infinitonelcassetto.blogspot.it/) . Oppure chi ha semplicemente un bel blog, vi consiglio tra le migliaia e migliaia http://pattibum.wordpress.com/http://tripinlove.altervista.org/blog-2/http://lemiepatatelesse.blogspot.it/ http://persempremamma.blogspot.it/http://www.trecuoridimamma.com/https://www.facebook.com/groups/218539458290655/  ma sicuramente ne dimentico qualcuno.

Poi c’è chi ha un successo strepitoso, perché ha aperto una pagina dove si possono trovare utilissimi consigli per migliorare il proprio blog: su Facebook trovate la pagina “Professione blogger”, una vera e propria miniera di notizie.

Ok, e dopo tutta questa pantomima sulle bravissime blogger?  Ecco, ovviamente mi faccio delle domande e vorrei tanto delle risposte.

Perché ho aperto un blog? Io non ho consigli da dare, non so costruire niente con le mie mani (sono una vera e propria incapace). Non sono così esperta da mettere consigli nero su bianco e buttarle in pasto al pubblico, credo che verrei sbranata viva (che nel linguaggio dei blog è: non ti vedo nemmeno).

 

Io vorrei che chi entra nel mio blog, si senta autorizzato a leggere, a sorridere magari e ad andarsene in punta di piedi. Insomma, lo scopo non è mai stato “venite, perché ho da mostrarvi cosa faccio” ma “venite a passare dieci minuti di relax”. Per il solo piacere di leggere senza altri scopi.

 

Sono solo sei mesi che Wondernonna esiste e, se posso esprimere un desiderio, quel che vorrei è avere “clienti fissi”, lettori che puntualmente vengono a vedere se ci sono novità, e che magari dicano all’amica: “se hai tempo, vai a leggere questa nonna un po’ pazza”. Ecco, questo è il motivo per cui ho creato  Wondernonna. Questo, e la voglia di sapere il vostro parere, di sapere se quel che racconto vi piace e vi interessa.

Se poi posso esprimerne un altro, di desiderio, mi piacerebbe sapere qual è la sezione che vi piace di più: i ricordi di un tempo? Le favole? Insomma… ditemi voi!

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Una mamma non nasce imparata e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Visitare un blog

  1. Mamma Piky scrive:

    Io adoro il tuo blog lo sai…io qui mi sento come se ti venissi a trovare a casa, e non cambierei nulla perché e’ così accogliente!!!!

    • WonderNonna scrive:

      Grazie carissima… avevo proprio bisogno di un po’ di incoraggiamento. A volte mi deprimo un pochino, non so se sono sulla strada giusta. Ma sentirti dire che è come se mi venissi a trovare a casa è proprio quello di cui avevo bisogno! Un abbraccio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *