Storia di una recita… e di un amore

Questa è una storia commovente e pura, piena di spirito natalizio e di amore.

Alice è una bella bambina bionda, porta gli occhiali e frequenta l’asilo. Ci va molto volentieri, alla scuola materna, anche perché vede ogni giorno Leonardo, per il quale ha una vera e propria passione, che non si sogna nemmeno di nascondere. Appena lo vede, fa un vocino suadente e lo chiama, lo vorrebbe sempre accanto a sé, ma lui – fedifrago – non ha occhi che per la bellissima Arianna, una morettina tutto pepe.

 

Alice non demorde affatto, non è offesa per la poca considerazione che Leonardo ha per lei, non si rassegna nemmeno. Attende, semplicemente. E’ una femmina, sa avere pazienza. Sogna che Leonardo le sorrida, la abbracci, spera di stargli vicino.

E un giorno – ecco la magìa del Natale – tutto si avvera. Le educatrici preparano la recita natalizia. La trama è stata un po’ sfoltita di molti personaggi, ma è frutto della fantasia dei bambini.

In paese lontano lontano, tra i ghiacci, vive Babbo Natale. Tutto è lieto e sereno. Ci sono delle belle bambine che pattinano tra i ghiacci (le femmine dell’ultimo anno), i pinguini che camminano felici (i maschietti, sempre dell’ultimo anno) ma… arriva la tempesta di ghiaccio, che copre tutto. I pinguini e le belle pattinatrici si stringono l’uno all’altra, finché tanti piccoli babbi natali non li salvano. E alla fine tutti cantano felici.

Ed è qui che arriva il piccolo miracolo. La pattinatrice Alice, bellissima nel suo tutù tutto bianco, è in coppia con il pinguino Leonardo, che ha, come tutti i pinguini che si rispettano, un bel cravattino a farfalla e i piedini gialli. Stretti stretti, si riparano dalla tempesta di neve. Ma mentre tutte le altre coppie si limitano a darsi la manina, Leonardo e Alice sono avvinghiati. Lei con occhi sognanti, lui con fare protettivo. Alice non sta nella pelle dalla gioia: il suo desiderio si è avverato.
E mentre tutti gli spettatori, mamme, papà e nonni li additano e si commuovono, loro sembrano non rendersi conto e fanno un sorriso grande grande

. Mamma, papà, e i nonni di Leonardo si commuovono, scappa anche qualche lacrimuccia. La mamma e il papà di Alice pure, ma scappa anche una risata, perché vedono  quanto Alice, timida e riservata, sia “beata”. Sono belli da morire.

La canzoncina finale augura a tutti buon Natale e la recita finisce. Leonardo e Alice si staccano, vanno dai loro amichetti ma Alice non smette di sorrid

ere.

Peccato, piccola Alice, che il tuo sogno finisca quest’anno. L’anno prossimo sarete in scuole diverse, il destino  a volte è crudele. Ma per ora continua a sognare, piccola pattinatrice.

 

Buon Natale a tutti!

Questa voce è stata pubblicata in Leonardo e Isabel: un grande amore e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Storia di una recita… e di un amore

  1. Mamma Piky scrive:

    Che poi chissà…il destino fa di quei giri!!!!
    Provo a tirare a indovinare sulla canzoncina finale…”ma cos’è questa strana atmosfera, mi vuoi dire che succede stasera? Per me, per te, per noi, per bio, Natale insieme!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *