Somiglianze, geni ed ereditarietà

fun-nonna-474378Non c’è nipote che somigli fisicamente meno alla sottoscritta di Leonardo. Capelli neri, occhi scuri, pelle scura, sopracciglia folte, alto e magro benché robusto. Somiglianze nonna e nipote: zero.

Spesso mi capita di guardare, all’uscita delle scuole, nonne e nipoti. A volte, e dico sul serio, faccio gli abbinamenti e ci imbrocco. La stessa linea del naso, del mento, gli occhi o la bocca caratterizzano sia nonna che nipote, e vale anche per i nonni. Persino il modo di porsi a volte è molto simile.

Ecco, Leonardo somiglia al nonno materno fin dalla nascita. Sopracciglia identiche, spesse e scure, come il nonno e come la mamma, anche se quest’ultima ha gli occhi verdi. E così per la pelle, come dicevo. Insomma, non mi somiglia pe’ gnente. E i geni, i cromosomi, dove sono?

Sono in tantissime piccole cose. Leo mi assomiglia come carattere: è meno impulsivo di me, ma è attento alla sensibilità altrui, e ci sta male – paro paro a me – se inavvertitamente offende qualcuno. E’ sensibile ed è facile ferirlo, come è facile ferire me. E’ un po’ pauroso, soprattutto delle cose  che non può controllare, come la nonna. Dorme con un piede accavallato sull’altro, esattamente come me. Parla in continuazione, come facevo io alla sua età. Si fa in quattro per piacere agli altri,  è curioso e basta poco per distrarlo, nonna docet.

Isabel ha  – l’ho detto nell’ultimo post – un carattere forte e deciso, che io non ho. E’ attenta ai particolari, grande osservatrice, chiacchierina ed estremamente femminile come io non sono mai stata. Sa convincere chi ha davanti anche ricorrendo a piccole bugie, pur di arrivare allo scopo. E’ già padrona del suo mondo, sa quel che vuole e come ottenerlo. Ecco, io ero impaurita dai grandi, per niente autorevole lei all’asilo è già una leader e ha stuoli (letteralmente) di corteggiatori. La mattina quando arriva all’asilo è una festa. Anche qui, somiglianze nonna nipote: zero.

Ma ha la mia stessa pelle, chiara e sensibile, la stessa corporatura (anche se io ero più cicciotta),  gli stessi capelli di quando avevo la sua età, chiari e striati di biondo, folti e belli, di cui va molto orgogliosa ora che sono lunghissimi. Ieri, per convincerla a lavarsi, le ho promesso una “messa in piega”. “Nonna, cos’è?” ha chiesto subito. “Ah, è quando la parrucchiera prende la spazzola e il phon e ti sistema i capelli in modo che siano lucidi e un po’ gonfi”. Era felicissima, anche se con un paio di lacrime ha chiesto “Ma anche la parrucchiera tira i capelli e fa male?”. Ecco, mi ha ricordato come anch’io, alla sua età, piangessi calde lacrime quando mia mamma mi tirava i capelli per fare le trecce.  Mi somiglia anche in un’altra cosa: in quella angolazione di carattere che si ribella alle ingiustizie, che non subisce passivamente. Sembra una contraddizione, ho appena detto che non ero autorevole. Invece è davvero così, se subivo un torto sapevo difendermi, e pur temendo le conseguenze, mi ribellavo.

Ecco, l’ereditarietà si vede dalle piccole cose. Non occorre la somiglianza fisica spiccata, anche se mi rivedo un po’ in Isabel, con la sua voglia di crescere, ma al contempo di farsi piccola piccola, per una coccola in più. Ma sono attimi, così come li ricordo della mia infanzia, perché anche lei – come me- è impaziente di scoprire il mondo.

Insomma, più che in mia figlia, scopro nei miei nipoti tratti somatici e caratteriali che portano a me. Forse ora che sono nonna ho più tempo per vedere queste similitudini. O forse sono i geni.

 

Questa voce è stata pubblicata in Leonardo e Isabel: un grande amore, Senza categoria e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Somiglianze, geni ed ereditarietà

  1. Mammapiky scrive:

    Al di la del fatto che la somiglianza tra i due Leo mi lascia a bocca aperta (sembra che tu abbia descritto mio figlio, fisicamente e caratterialmente) e tra le due femmine lo stesso, sono certa che anche fisicamente di te hanno molto, di sicuro gli atteggiamenti che tendono a imitare in chi si identificano e poi i principi che di sicuro gli trasmetti. Teresa di mia madre ha preso tanto, al di là,dell’aspetto fisico, stessa forma del viso, capelli di identico colore, ha le sue stesse espressioni che probabilmente imita pure e parla e si muove come lei, un po sarà il dna un po il fatto che ci passa un bel po’ di tempo e che la considera il suo mito. Considera che pulisce (per modo di dire, ma mica tanto poi) casa, con le stesse modalità, brontolando pure come lei!!!

    • WonderNonna scrive:

      Ahahah, m’ha fatto morire leggere che Teresa che fa le pulizie brontolando come la nonna!!
      E poi, non so più come stupirmi, ma davvero i nostri due Leo sono gocce d’acqua! Non ce n’è, bisogna che ci si incontri assolutamente!!

  2. drusilladeserto scrive:

    Che bello leggere delle somiglianze tra nonni e nipoti!
    Mio figlio Tommaso assomiglia molto a mia madre, soprattutto in viso ed in alcune espressioni. Mentre Riccardo e’ la fotocopia del padre, sia fisicamente che come atteggiamenti, mentre come carattere e’ un bel mix di tutti.
    Insomma, i geni ci sono e non mentono!

    • WonderNonna scrive:

      E ti dirò anche un’altra cosa, Drusilla. A volte, quando son piccolissimi, non somigliano a nessuno della famiglia, poi, nel giro di un anno, cambiano completamente e si notano le somiglianze. Se metto a confronto le foto di Isabel quando è nata e oggi, sembrano due persone diverse!

Rispondi a drusilladeserto Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *