Ricetta sprint: polpette di uova

20161110_184244Oggi vi propongo una ricetta antica, proveniente dal Sud, ma attualissima: le polpette di uova.

E’ un piatto del Sud, dicevo, quindi sono una specialità di mio marito, che sa dosare bene gli ingredienti, che mescola con riverenza l’impasto, che – insomma – ci mette tutto il tempo che (non) ci vuole.

Sono buonissime mangiate così, ma se avanzano sono ottime se immerse nel sugo di pomodoro, fatte cuocere 10 minuti e poi ci condite la pasta. I bambini ne andranno matti.

Ingredienti per 4 persone:

3 uova

100 grammi di parmigiano grattugiato

50 grammi di pane grattugiato

Sale

Pepe (facoltativo)

Oio di semi di girasole

Procedimento

20161110_184443Rompete le uova in una ciotola e sbattetele come per una comune frittata, con un pizzico di sale e una spolveratina di pepe. Aggiungete a cucchiaiate il parmigiano e un paio di cucchiai di pane grattugiato. Dovete regolarvi ad occhio, deve risultare un impasto denso e fluido, della consistenza di una crema. Molto dipende dalla grandezza delle uova.

Lasciate riposare una mezz’ora. Mescolate.

Fate scaldare l’olio in una padella con i bordi alti, prendete una cucchiaiata di impasto di uova e lasciatela cadere nell’olio caldo facendo una montagnetta. Ripetete l’operazione con altre polpette, che si gonfieranno durante la cottura. Cuocetene poche per volta. Sono pronte quando sono dorate.20161110_184154

 

Questa voce è stata pubblicata in La cucina di ieri e di oggi. Contrassegna il permalink.

6 risposte a Ricetta sprint: polpette di uova

  1. Mammapiky scrive:

    Sembrano buonissime Anna solo che io non amo friggere, non perchè non mi piaccia ma per via dell’odore che poi ci si mette pure mio marito che mi gira per casa facendomi il verso con il naso chiuso…il fritto lo dedico quando vado a casa di mia madre, spalanchiamo le finestre e via. Però ultimamente cucino molto, mi è presa una fissa a furia di vedere tutti programmi di cucina, anche con discreti risultati devo dire, e queste polpette mi incuriosiscono tanto, secondo te al forno come vengono?

    • WonderNonna scrive:

      Mhmmmm… secondo me si può provare, ma non garantisco. Il rischio è che diventino frittatine. Se provi, devi fare come se ci fosse l’olio, cioè mettere una “montagnetta”. In ogni modo, in casa mia il fritto 2 – 3 volte l’anno, non di più. Pure mio marito odia l’odore. E quando fa (appunto 2-3 volte l’anno) queste polpette, si chiude in cucina e spalanca la porta che dà sul balcone, vedi tu se non è maniaco dell’odore…!

  2. mammamedico scrive:

    un flash… le faceva uguali mia mamma. al sugo per mio papà, senza per me e mia sorella. le aveva imparate a cucinare da mia nonna (sua suocera) che aveva una cucina prettamente meridionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *