Quintessenza di mamma

I nipoti sono al mare, nel Salento, con mamma e papà. Han preso in affitto una casa, che si è rivelata spaventosa  dal punto di vista pratico, ma stupefacentemente in riva ad un mare strabiliante.

Leonardo e Isabel stanno ore sulla veranda a guardare i pesci che saltano, gridando per la sorpresa. E vanno alla scoperta della natura come piccoli selvaggi. Leo ha, per esempio,  scoperto la pesca, ha voluto a tutti i costi comprare una canna e, armato di quella pazienza che non lo contraddistingue, è stato immobile, a riva, in attesa di qualche preda. Solitamente il suo compagno, in questaavventura tutta nuova, è il suo papà. E quando finalmente un pescetto ha abboccato, è stata gioia pura.

1x1.trans Pesci tropicali Ma ieri ha coinvolto la mamma, ha voluto tutti i costi che fosse lei ad accompagnarlo. Il giorno prima aveva saputo da gente del posto che i pesci, lì, amano particolarmente un impasto di pane e “ricotta forte”. E’, per chi non lo conoscesse, un formaggio piccante che si vende in vasetti, che puzza in modo spaventoso (va benissimo usarlo al posto dell’aceto se uno ha un mancamento).

 

 

Bene, ieri, costume da bagno, sacchettino con le esche al “formaggio puzzolente” (come lo chiama Leonardo) eccoli in riva al mare, lui e la mamma. “Mamma, per fortuna non è una spiaggia frequentatissima perché avresti dovuto vedermi. Imbrattata di ricotta forte, sudata, i capelli unti: ero davvero la quintessenza della femminilità”, mi ha detto al telefono mia figlia.

Ma Leo, con quell’intruglio, ha pescato un pesce tutto da solo. Piccolo, ma l’ha pescato lui. Non era felice, di più. Ha urlato come un forsennato, saltando e schizzando acqua ovunque, correndo a far vedere il pesce al suo papà e alla sua sorellina, a riva. Era così felice che ha abbracciato la mamma, l’ha baciata gridando “Mamma, mamma, hai visto che bravo? Hai visto che il formaggio puzzolente funziona? Possiamo rifarlo anche domani?”. E mia figlia non ha avuto cuore a dirgli di no, che il puzzo la faceva quasi vomitare.

Probabilmente non eri la quintessenza della femminilità, ma sicuramente sei stata la quintessenza di una mamma, figlia mia!

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Quintessenza di mamma

  1. Mamma Piky scrive:

    Per i figli siamo capaci di tutto, vederli felice e farli sorridere e’ per noi la paga più alta per il nostro “lavoro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *