Le luci di Natale

Oramai è quasi  lotta. Invidia,   curiosità, stupore, gara. Ci sono commenti sottovoce, alzate di sopracciglia e anche di   spalle. Certo, siamo ancora tutti pieni di aspettative e… no, calma,  non sto parlando di intrighi internazionali, parlo  delle luci natalizie dei condominio allargato, quello dove abito io.

Da un paio d’anni “usa” appendere lucine sul balcone. Siamo in tanti, nel condominio allargato, un quadrilatero di case alte otto piani. Le lucine erano tre, quattro in tutto. Praticamente una miseria. L’anno scorso cinque e c’è chi ha detto un evvai, tanto per dire. Comunque cinque. Perché io le conto eh. Ah sì, ho tenuto contabilità.

Oddio, c’è pure chi appende i babbi natale che si arrampicano, ma quelli non contano. Mica si illuminano, e poi, personalmente, mi fanno un po’ di tristezza, soprattutto quando piove. Ma torniamo alle luminarie de nojaltri , che quelle sono importanti. Devo dire che l’idea di addobbare il balcone a me è sempre piaciuta, ma a mio  marito, il saggio della famiglia, no. Primo perché non abbiamo una presa sul balcone, secondo perché è pericoloso il binomio neve/pioggia-corrente elettrica. Insomma, non le voleva. Cioè, fai questo proprio a me, che sono il ragioniere delle lucine? Sì, me l’ha fatto.

Fino a quest’anno. Cominciamo col dire che le luminarie casalinghe erano diventate pazzescamente BEN otto. Otto balconi che si accendono e si spengono furiosamente, ripetutamente, appena fa buio. Ma non è tutto. Quando hai cinque balconi addobbati, te li ricordi bene: uno ha la fila di luci colorate che lampeggiano, quello più in là una stella che si illumina a intermittenza, un altro luci rigorosamente bianche… insomma, anche se non conosco le persone, so bene cosa appendono fuori a Natale. E so anche, senza ombra di dubbio, che l’inquilino del terzo piano, sulla sinistra, ha “arricchito” la le sue palline luminose con una “cascata” di luci rosse, quest’anno. Ah, sono di gran moda, e stan proprio bene! Come mi piacciono! Le voglio anch’io, ho detto. Ma il marito fa finta di niente, uffa.

Tre giorni fa, l’affronto più pesante: i miei vicini di casa, pure loro, hanno addobbato il balcone. Eh no, adesso basta. Colta dall’invidia vado a vedere come hanno fatto con la presa di corrente, e scopro che ne hanno una vicino alla finestra del bagno per cui c’è voluto un niente.

Soffro in silenzio ma il consorte commette un errore: mi porta al Brico, che io cordialmente detesto. Gironzolando qua e là, priva di un qualsiasi interesse quando LE VEDO. Eh eh eh, non hai scampo marito… non hai scuse. Hanno inventato IL LED. Cosa sia di preciso non lo so, so solo che ora fanno le decorazioni natalizie a led, il che vuol dire luce senza prese di corrente.

Acchiappate al volo e portate a casa. Si attaccano al balcone col nastro adesivo, hanno un timer che le fa accendere appena è buio e che le spegne dopo un tot di ore. Sono orgogliosissima (siamo a quota 10!), anche se i vicini, scoperto pure loro il led, hanno tolto le vecchie luci a corrente e messo una cascatona blu stupenda.

Solo che la storia del led deve essersi diffusa a macchia d’olio. Volete saperlo? Da stasera siamo a 25 (dico venticinque) balconi sfolgoranti.  Chi ha visto e ci ha dato dentro: ha aggiunto stelle luminose, cascate e quant’altro, tipo Fuorigrotta. Anzi no,  puntiamo più in alto. Oso dire che a noi Las Vegas ci fa un baffo, ecco.

 

Questa voce è stata pubblicata in Com'era difficile essere figli e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Le luci di Natale

  1. Mamma Piky scrive:

    Mi vengono in mente quei quartieri americani dove fanno a gara a chi addobba meglio la casa, ci mettono su delle cose assurde!! …comunque vicino casa nostra c’è’ un palazzo che ha decorato tutta una facciata con una fila di luci gigantesca che parte dal tetto e arriva a piano terra e riproduce la sagoma di un albero. Lasciamelo dire Anna, e’ troppo, ogni sera che ci passo davanti mi prende un colpo. Io amo le luci e gli addobbi ma sai che del Natale amo anche il buio? Le luci soffuse, i bagliori di un presepe, la luce delle candele?

    • WonderNonna scrive:

      Oddio, ti posso capire. Le esagerazioni non piacciono nemmeno a me. Ma devi sapere che questo condominio “allargato” comprende decine e decine di appartamenti. La sera, se ti affacci in periodi normali, è quasi buio, ci sono solo le luci degli appartamenti. Ora è più allegro, anche se c’è, come ho detto, chi pensa di essere a Fuorigrotta, ed è esagerato. Ma nel complesso mi piace. Mi dà l’idea che il Natale stia per arrivare, che qualcuno lo festeggi ancora, magari mi sbaglio io eh. La solita via di mezzo sarebbe l’ideale, tanto per cambiare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *