In vacanza con i nonni? Ecco alcuni consigli

Andare al mare con i nonni, per i bambini, è sicuramente un divertimento, l’abbiamo visto noi, appena tornati dopo 3 settimane di “vacanza”. E’ diverso che stare con mamma e papà, lo sanno anche i piccoli che se ne approfittano un po’. Però metto qui, nero su bianco, alcuni consigli per i nonni che per la prima volta portano al mare (o comunque in vacanza) i nipotini.

–          Il primo consiglio sembra ovvio, ma non lo è:  siete in buona salute? Lo dico perché vi serve tutta la vostra energia, per una vacanza con i nipoti, solitamente instancabili e bisognosi di controlli. Non ci si può permettere di rilassarsi, con loro. Noi avevamo paura che si perdessero, che si facessero male, per dire. E anche se mamma e papà ci avevano tranquillizzato (“Cadono anche con noi! Che problema c’è?”) quando non sono i tuoi, di figli, sei più apprensivo. Quindi, come dicevo, bisogna essere in forma.

–          Non è una vacanza, se per vacanza intendete relax. Quindi, dopo un periodo al mare con i piccoli, vi consiglio qualche giorno di “dolce far niente”, vi rimetterete in sesto.

–          Chiedete ai genitori di obbedire ai nonni. Inutile? No, perché se i piccoli obiettano “ma mamma me lo fa fare” voi potrete dire “sapete che qui bisogna obbedire ai nonni, vero?”. Vale per un sacco di cose, vi assicuro.

–          Stabilite delle regole, poche ma ben chiare. Le nostre erano: 1) non ci si allontana dai nonni se non si avvisano gli stessi 2) vietato correre e urlare nei corridoi dell’albergo negli orari di riposo 3) si sta a tavola fino a che non si è finito di mangiare (evitiamo di farli correre avanti e indietro per la sala da pranzo, mettendo in difficoltà gli altri ospiti e i camerieri)  4) è obbligatorio mettere la crema solare (i miei nipoti detestano metterla!). Devo dire che sotto questo punto di vista i miei nipoti sono stati impeccabili.

–          Nei giorni di maltempo (e quest’anno sono stati parecchi!) bisogna comunque non farli annoiare. Una visita all’edicola ha risolto parzialmente il problema noia: 2 album da colorare nuovi di zecca (costano poco e anche se ne avevano portati da casa, quello nuovo è sempre più bello) una “settimana enigmistica” per Leonardo, che trovava le “differenze” o univa i puntini a formare un disegno e si sentiva grande. Oppure gli stickers, che divertono molto.

–          Cercate di arginare le richieste dei piccoli affettuosi tiranni: una cosa al giorno! Quindi fateli scegliere tra sala giochi, giochino, giro sul brucomela, libro etc etc.   Poi sta a voi decidere se concedere più di un divertimento, ovviamente. Su questo argomento, scriverò un post su un episodio che mi ha divertito moltissimo.

–          Ultimo consiglio: riflettete bene se è meglio affittare una casa o andare in albergo. La differenza di prezzo (se scegliete un albergo modesto) è quasi inesistente, ma ci sono vantaggi e svantaggi che dovete calcolare bene, in base alle esigenze dei nipotini. La casa è da pulire, c’è da fare la spesa e cucinare, ma non avete orari e nei giorni di brutto tempo un po’ di spazio per far giocare i bambini. In albergo siete legati agli orari, ma non avete niente da fare se non il piccolo bucato (che vi spetta in ogni caso). Noi abbiamo scelto un alberghetto pulito ed “essenziale” dove era compresa perfino la merenda pomeridiana.

–          Cercate di prendere le cose così come vengono. Stressarsi serve solo a stancarsi di più, e si diventa nervosi, ci si stanca di più (provato sulla mia pelle). In fondo, anche i piccoli sono in vacanza…

Questa voce è stata pubblicata in Leonardo e Isabel: un grande amore e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a In vacanza con i nonni? Ecco alcuni consigli

  1. Mamma Piky scrive:

    Anna credo che tu sia stata stoica sul serio: 3 settimane sono tante ed al mare con i bambini, i grandi non si rilassano questo è poco ma sicuro. Le regole come dici tu poche ma buone e poi si prendere la vacanza per come viene perché gli imprevisti ci saranno comunque ed è bene non farsi stressare.
    ….Leo adora, come il tuo Leo, la enigmistica in particolar modo trova le differenze e gli stickers…stiamo parlando di due bambini vero? non di uno? :-))))))))))))))))))……
    …..ma dimmi un po’ da quelle parti c’è sempre il ristornate sul porticciolo Leonardesco “Da Giuliano”, si mangia benissimo!

    • WonderNonna scrive:

      Sono impressionata, sai? Sembrano un solo Leonardo, dico davvero… Si esprimono allo stesso modo, amano le stesse cose. Si somiglieranno pure? 😀 ?
      Comunque hai detto bene… 3 settimane no-stop sono tante, troppe direi. Pure i piccoli alla fine volevano tornare a casa!
      Il ristorante… non lo conosco, purtroppo. Davvero si mangia così bene? Uff… magari ci torno (solo col marito però!) 😀

  2. ivavitali scrive:

    Non ho avuto problemi in vacanza con la piccola!Forse ne ho di più adesso che sono tutti ferie e mi considerano la baby sitter di turno ! Il prossimo anno vado in ferie da sola in Agosto!

    • WonderNonna scrive:

      Idem! A volte penso che son troppo disponibile con i nipoti e alla fine non mi rilasso mai. Il prossimo anno credo che ce ne andremo in ferie io e mio marito. Anche perché il mese prossimo trasloco per rifare casa… sai che fatica?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *