Il valore aggiunto

Sui regali di Natale ho letto tanti post, in questi giorni. Ci sono idee carine, oggetti utili, sfiziosità. Prediligo i regali fatti a mano, se è possibile, e esigo che sia fatta in Italia, o quantomeno ci provo. I regali però non sono obbligatori. Sono sicura che tra di noi c’è chi sta facendo i conti per far saltar fuori qualche euro per un pensierino alle persone care.

Quel che faccio io è però un’altra cosa. Mi prendo del tempo, non ne serve tanto, e scrivo rigorosamente a mano un biglietto, una letterina, qualche riga che accompagni il regalo. Non i semplici auguri, ma un pensiero “dedicato”. Così mi sembra di completare il dono, di arricchirlo. Non importa se il pacchettino è modesto, l’importante è che sia accompagnato da qualche parola, da un valore aggiunto, che viene dal cuore perché è questo lo spirito del Natale, no?

E non si dice mai abbastanza, alle persone care, “ti voglio bene”.

 

Auguri a tutti!

 

 

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Una mamma non nasce imparata. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Il valore aggiunto

  1. Verdiana scrive:

    Hai ragione, non lo diciamo mai abbastanza! Auguri meravigliosa Nonna!

  2. WonderNonna scrive:

    Grazie, cara Verdiana… auguri di cuore anche a te e alla tua famiglia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *