Febbraio, un mese visto dal basso

La mia amica Piky, nel suo blogMamma Piky… non solo mamma” ha lanciato un’idea, quella di raccontare il nostro mese, partendo da febbraio. Potevo non accettare l’invito?

Dunque, vediamo, com’è stato questo febbraio che – per fortuna – sta per finire?

Direi… che l’ho guardato dal basso, tanto per dire. Metà mese dalla sedia a rotelle per via della frattura, l’altra metà con le stampelle, che ho tolto giusto oggi perché è l’ultimo giorno di febbraio e, se mi permettete, vorrei cominciare marzo con le mie gambe.

Vedere il mondo dal basso è tutta un’altra cosa. Vedi le manate sui mobili, per dire. O ti viene il torcicollo per guardare in faccia chi ti sta di fronte, in piedi.  E non è bello. Uno dice… dai che non hai fatto niente di niente tutto il mese! Lì, in panciolle, a dare ordini. Ma anche no, porca miseria! Io non sono abituata a farmi servire, io voglio la mia indipendenza. E se per stare dieci minuti ferma immobile, devo rinunciare a una doccia, direi che non ci siamo.

Seconda cosa di questo mese: ho visto pochissimo i nipoti. E questa è una specie di tragedia. Sono venuti un paio di volte a trovarmi, ma quando ci siamo presi l’influenza sia io che il consorte, abbiamo messo fuori il cartello “in quarantena” e non abbiamo voluto che venissero, prima che si contagiassero pure loro, povere gioie.

Però la prima cosa che ho fatto il giorno in cui ho tolto il gesso e usato le stampelle è stato andare a vederli un attimo, perché non ce la facevo più. Sono stata ripagata con abbracci e baci, e io ho pagato il conto in serata, con piedone gonfio e dolori sparsi. Pazienza, ci vuol altro per fermarmi.

Terza cosa di questo febbraio è stata la partenza della famiglia. Sono su spiagge meravigliose, al sole e al caldo e mi mandano foto e messaggi. Loro stanno bene, ma io che sono ansiosa, meno. Però son felice per loro, per carità. Tanto domani tornano.

Insomma, speriamo che marzo riservi sorprese migliori, che di questo febbraio non ne posso più.

Questa voce è stata pubblicata in Leonardo e Isabel: un grande amore e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a Febbraio, un mese visto dal basso

  1. ivavitali scrive:

    Ti è andata bene ! E’ il mese più breve dell’anno !

  2. Mamma Piky scrive:

    Eh già Anna meno male che il mese e’ stato corto e marzo e’ il mese della primavera quindi le cose dovrebbero girare diversamente! Ora inizia la ripresa! La tua e dell’anno!!! Ti condivido il post eh?!?’ :-)))

  3. Sempre Mamma scrive:

    Oh poverina, speriamo che ti lasci alle spalle questo febbraio un po’ zoppicante

  4. Mamma avvocato scrive:

    vedrai che marzo, il lunghissimo marzo, andrà meglio…sperando che la pioggia ed il freddo con cui è iniziato qui dalle mie parti lasci presto spazio al sole primaverile (anche se qui di solito la primavera arriva solo da metà aprile).
    In ogni caso, tornerai a guardare il mondo dall’alto e stare con i nipoti quindi non può che migliorare!!!

    • WonderNonna scrive:

      Grazie, Mamma avvocato, sono sicura che sarà così, anche se le previsioni dicono che da metà settimana arriva il freddo polare, di nuovo, pure qui!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *