E’ giusto avere un figlio prediletto?

 

Un’amica mi ha confidato un segreto: ha un debole per il primogenito, l’ha sempre avuto, fin quando era piccolo.. Quando me l’ha detto l’ho guardata e mi son chiesta cosa volesse dire. Mai, nemmeno per un istante, ho pensato che non amasse i suoi figli in egual modo, e non ho cambiato idea nemmeno dopo la confessione, ho solo aspettato di capire cosa volesse dire.

E lei me lo ha spiegato benissimo “Nessuna mamma lo vorrebbe confessarlo, nemmeno sotto tortura, perché i figli sono tutti uguali, perché sicuramente si amano  con la stessa intensità, si darebbe la vita per ognuno di loro, indifferentemente. Ma ci sono sentimenti che provengono dal fondo dell’anima, da  un angolo che solo una mamma ha. Io sentivo che lui aveva più bisogno di me”.  Insomma, ci sono figli “preferiti”.  Sì, ma la spiegazione non c’è ancora. E poi ho capito, io, che ho un’unica figlia, cosa intendeva dire.

Non si tratta di “preferire” un figlio a scapito degli altri, ma di sentire che quel figlio “prediletto” è quello che ha più bisogno di te per uno e mille motivi, che va protetto e guidato più degli altri. E per aiutarlo a crescere, a diventare adulto, può essere che  gli si dedichi più tempo, più attenzioni. Ma non più amore.

Magari è più fragile, o più bisognoso di attenzioni, più sensibile, ha qualche problema di salute: insomma, una mamma è più protettiva, a volte, verso uno dei suoi figli, e ha ottime ragioni per farlo. Ma il motivo può anche non essere così evidente, può essere che solo la mamma lo conosca.  Non per questo va giudicata, criticata o condannata. Non è l’amore che è diverso, è diversa la “predisposizione” verso quel bambino  che ha più bisogno degli altri.

Non sta a noi, seppure siamo vicini alla famiglia, scandalizzarci o puntare il dito, anche perché non è l’amore che è messo in discussione.  Avere preferenze per uno dei propri figli sembra, agli occhi altrui, brutto e criticabile, inconfessabile. Ma non è così, assolutamente. Una mamma sa  per istinto cosa fare, come comportarsi: chi siamo noi per poter giudicare?

Trattare diversamente i propri figli fa parte dell’educazione: ci sono bambini a cui basta dire una volta “smettila!” che subito ti ascoltano, altri a cui lo ripeti cento volte, urli e strepiti  e non riesci a farglielo capire.   Può sembrare che questi ultimi siano trattati più bruscamente, che la mamma sia più severa con loro rispetto ai primi, ma non è ovviamente così.

Tornando alla mia amica, so perché è così protettiva con il primogenito, l’ho capito, ma non lo dirò qui, tanto non ha nessuna importanza.

Detto questo, sto ovviamente parlando di mamme normali, che amano i propri figli. Poi ci sono le mamme che davvero hanno una predilezione per uno rispetto agli altri, e il più delle volte lo fanno smaccatamente, lo vede anche un estraneo. Magari perché è biondo con gli occhi azzurri, o perché è “tanto bello”, mentre il secondogenito è “un peso, sempre malaticcio!”. Per le stesse ragioni per cui una mamma ha un istinto di protezione maggiore, verso quel figlio, un’altra lo allontana.  Ne ho conosciute, le ho viste.   E mi dispiace tanto per loro.

Questa voce è stata pubblicata in Una mamma non nasce imparata e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a E’ giusto avere un figlio prediletto?

  1. Lara scrive:

    io non sono d’accordo, ma io non sono la “prediletta”, io sono solo quella che serve… (brutto argomento per me)

    • WonderNonna scrive:

      Mi dispiace, in poche righe ho letto del dolore… Ma mi fa piacere che tu abbia avuto la forza di scrivere la tua opinione, che rispetto. Sai, ci sono diversi tipi di mamme, come ho scritto…

  2. GERARDA scrive:

    Secondo il mio punto di vista,non bisogna generalizzare,o puntare il dito,perche’ ogni caso e’ un caso a se’!Io da figlia,vedo mia madre molto disponibile con mia sorella,da madre, ho un “debole” x la mia secondogenita!Ma l’amore e’ uguale x tutti,e come dicevi tu,e’ l’istinto materno che sente quale figlio ha maggiori deficit e da mamma cerca di proteggerlo ulterior!mente

    • WonderNonna scrive:

      Certo, non bisogna affatto generalizzare, e nel post ho cercato di dire che non si tratta di amore, ma di necessità diverse. E queste cose una mamma le sente d’istinto.

  3. Mamma Piky scrive:

    Mentre aspettavo la mia seconda bambina, mi chiedevo se sarei mai riuscita ad amarla come amavo, il mio primo figlio. Il bene che provavo per lui era così forte che non pensavo potesse essere superato ed alla fine nemmeno uguagliato. Mi sbagliavo. Tanto. Lei e’ nata e l’amore si e’ moltiplicato. L’unica differenza e’ data dal fatto che certe emozioni non le vivi per la prima volta e sono un po’ più sfumate, meno eclatanti. L’amore no, quello mi pare lo stesso.

    • WonderNonna scrive:

      Infatti l’amore non è in discussione, perlomeno per le mamme che hanno un figlio che in realtà è solo da proteggere od aiutare più dell’altro. Però ero sicurissima che tu fossi una “bella” mamma, Maria Elena…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *