Benvenuti

Benvenuti sul blog di Wondernonna!

Questo vorrebbe essere un salotto di amiche e amici che vogliano leggere un po’ di esperienze di vita. Quello che mi propongo è di farvi ritrovare un’atmosfera di famiglia, di vita quotidiana, ma anche qualcosa del passato. Se siete entrati per caso, spero di incuriosirvi.

Qui potrete dire la vostra, criticare o – lo spero – condividere e confrontare le vostre esperienze di figli, di genitori, di nonni,

Per entrare nel tema di questo blog, so quanto sia difficile educare un figlio. Ma so anche quanto sia difficile esserlo.

Ora che sono nonna, non mi permetto di interferire con l’educazione dei miei nipoti, non tocca a me e non sarebbe giusto: ognuno alleva i propri figli come meglio crede. Ma se è vero che inorridisco quando sento la frase “ai miei tempi”, è altrettanto vero che non fa male a nessuno ricordare i valori che oggi sembrano dimenticati. Non voglio insegnare niente a nessuno, sia ben chiaro. Semplicemente qui potrete fare dei confronti, se vi va.

Ho diviso il blog in sezioni, così chi non ha tempo può trovare direttamente quel che più gli piace.

“Leonardo e Isabel: un grande amore”

“Una mamma non nasce imparata”

“Com’era difficile essere figli”

“Una nonna Food Coach”

“Favole e storie quasi vere”

Quando è nata Wondernonna, circa un anno fa, non avrei mai pensato di aprire un blog tutto mio. L’esigenza di scrivere ce l’hanno in molti, ma avere dei lettori è tutta un’altra cosa!

Così sono andata, per così dire “sul sicuro”: quando sono nati i miei nipoti (Leonardo, 4 anni e Isabel, quattordici mesi) ho scritto per loro delle fiabe. Isabel ancora non è in grado di capire, ma Leonardo ama molto farsene leggere qualcuna la sera, prima di dormire.

Fiera di aver superato un critico feroce quale può essere un bambino, ho pensato di scrivere anche della loro infanzia, in modo che una volta cresciuti potessero avere una sorta di diario di quand’erano piccoli. Poi mi sono lasciata prendere la mano, e ne sono nati dei racconti della mia, di infanzia, e di quella della loro mamma, mia figlia. Storie di ieri e di oggi, confronti tra le generazioni

Benvenuti dunque a tutti coloro che vogliono una lettura senza impegno: quel che spero è che questa diventi anche un po’ casa vostra, un’abitudine come quella del caffè il mattino.

 

4 risposte a Benvenuti

  1. Mamma Piky scrive:

    Arrivo qui dal blog di patate lesse che ti ha ospitato per l’evento di ieri. Nell’articolo dici di non aver talenti, e meno male, perché poi approdo qui e trovo questo blog molto ben fatto e curato!!!!! Ora mi diverto un po’ a girovagarci dentro e da oggi a seguirti e leggerti ci sarò anch’io.
    P.S. Posso rubarti le favole? Sai il mio primo figlio che io apostrofo come “Cestino” per un motivo ben preciso (se vuoi nel mio blog uno dei primi post risalente ad anno scorso, racconta proprio di questa follia), si chiama nella realtà come tuo nipote ed anche lui e’ un critico molto severo…..:-)))

    • WonderNonna scrive:

      Le favole che ho scritto sono a disposizione di tutti, puoi rubarle e raccontarle a chi vuoi! Mi fa davvero piacere che qualcuno, oltre ai miei nipoti, le legga! Anzi… ci tengo moltissimo al parere dei bambini, quindi per favore, fammi sapere…

      PS – Grazie per i complimenti… ora arrossisco!

  2. Le nonne, i nonni sono un tassello importante nella vita dei nostri figli e avere una nonna come te… be’, i tuoi nipoti posson dirsi fotunati!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *