Baby sitter o nonni?

Ho visto ben poco i miei nipotini, in questo periodo. Anzi, solo due volte perché abbiamo (io e il marito) avuto anche l’influenza, per cui meglio tenerli lontani. E mi mancano un sacco, ovviamente.  Ma so che sono sereni, perché fino a fine mese la loro mamma è a casa, quindi li porta a scuola, li va a prendere e cosa c’è di meglio per un bambino?

Ma la pacchia sta per finire. La mamma ha un nuovo lavoro e torna la routine. Quando ha avuto la certezza del nuovo lavoro, mia figlia mi ha comunicato “Cercherò una baby sitter che li vada a prendere a scuola”. In realtà sono stata presa un po’ alla sprovvista: ci eravamo andati sempre noi nonni a prenderli. Oddio… è sicuramente un impegno, non tanto nel senso di fatica, quanto per il fatto che è tutti i giorni, quindi – metti di voler andar via un paio di giorni – non si può mancare. Aggiungiamoci, perché sono onesta, che  purtroppo ci sono gli acciacchi dell’età, e a volte si è stanchi. Però l’amore per i miei nipoti è immenso, lo dico subito per bilanciare un po’ quel che ho appena detto.

Forse, da un certo punto di vista, è meglio una baby sitter. Una ragazza ha più energie, può rincorrere i piccoli più velocemente, è sicuramente meno ansiosa di noi nonni. Magari si inventa giochi nuovi, magari i bambini si affezionano e la preferiscono ai nonni, perché si sa, per loro l’importante è giocare e divertirsi.

Quindi ho lasciato che parlasse di baby sitter. L’ho ascoltata mentre ne cercava una che avesse le qualità giuste. Avrebbe voluto una signora di mezza età, affidabile, invece ha trovato una ragazzina. Era piena di dubbi, perché “non è mamma” e giustamente non ha l’occhio attento. E – ha aggiunto ieri sera – “poi, sai… affidare i tuoi bambini a un’estranea”. Certo che lo so, si era già presentato il discorso lo scorso anno e anch’io sono d’accordo sul fatto che se è possibile, è meglio non ricorrere a perfetti sconosciuti. Oggi l’avrebbe vista per la prima volta, questa ragazzina e si fidava del suo istinto di mamma.

Il fatto è che mi sono sentita in colpa, da subito. In colpa perché sono sicura che i miei nipoti avrebbero detto “perché non viene la nonna?”. In colpa perché se non andiamo noi, l’alternativa è solo ed esclusivamente una baby sitter. E mandare all’aria un lavoro, di questi tempi, non si può, davvero.

Non avrei dormito sonni tranquilli, per cui stamattina l’ho chiamata e mi sono offerta di fare come abbiamo sempre fatto: andiamo io e/o il nonno. Prendiamo Isabel all’asilo e ci avviamo poi a prendere Leo a scuola. Dopo di che arriva il babbo e noi si torna a casa. Così li vedrò ogni giorno, come sempre, e già questo mi ripaga di eventuali giorni di stanchezza.

Non avrei potuto fare altrimenti, davvero. Fin che sono in grado di farlo, lo farò, l’ho sempre saputo. Quel che vorrei è che mia figlia non ritirasse fuori l’argomento baby sitter se un giorno mi lamento per qualche doloretto.  Io capisco lei, che ora sicuramente è più tranquilla. Lei deve capire me, sapendo che anche i nonni, ogni tanto, hanno bisogno di comprensione.

 

Questa voce è stata pubblicata in Leonardo e Isabel: un grande amore e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a Baby sitter o nonni?

  1. Mamma Piky scrive:

    Il discorso baby sitter l’ho affrontato anch’io con mia madre ma proprio perché so che un impegno quotidiano può essere stancante e credo sia doveroso sollevarla per lo meno per qualche momento. Anche lei come te, non ne vuol sapere e dice che senza i suoi nipoti non riuscirebbe a stare!

  2. Piky e Wonder mi avete fatto piangere, brutte monelle <3 <3
    Io non ce l'ho i nonni "baby-sitter no", io ho chi mi dice al massimo "te la pago io!"
    Io non ce l'ho hi condivide con me l'idea che meglio di tutto sarebbe la mamma ma se la mamma non c'è, meglio non un estraneo.
    Io di fronte a nonni/genitori così mi commuovo e vorrei tanto stringerli/vi.

    • WonderNonna scrive:

      Credo di poter parlare anche a nome di Piky… anche noi ti abbracciamo, Aline. E per quanto mi riguarda, sai bene che sono piena di difetti, che sono apprensiva, che rompo le scatole e quindi c’hai poco da invidiare 😀

    • Mamma Piky scrive:

      Aline credo che le mie remore su non addossare troppo peso a mia madre siano un dovere e che lei sia meravigliosa addirittura a “sgridarmi” perché non ne vuol sapere e anche lei non sarebbe tranquilla con un estraneo. Io di questo le sono grata e non credo potrò mai ripagare quello che fa.

      • WonderNonna scrive:

        Scusa Maria Elena, se intervengo in una tua risposta ad Aline, ma sai come sono, devo dire la mia 😛
        Non è importante ripagare, importante invece è rendersi conto di quel che si è avuto. E secondo me tua mamma la pensa come me!

      • Scusate che arrivo dopo tutti sti giorni! Tu Wonder e la mamma di Piky siete graniose non per quello che fate ma per la considerazione e importanza che date a ciò che fate.

      • WonderNonna scrive:

        Io sono arrossita, e tu Piky? 😀

Rispondi a WonderNonna Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *